HomeContattiForum

 

Fotoclub Padova dal 1962

L'attività foto amatoriale nella città di Padova ebbe inizio nel 1950 con la nascita del Circolo Fotografico Padovano, che però chiuse i battenti entro pochi anni.

Più tardi ed esattamente nel 1962, diversi fotoamatori fondarono il Fotoclub Padova. Le adesioni non tardarono ad aumentare ed il fotoclub divenne un appassionato punto d'incontro di molti soci. Iniziò cosi una fervida attività nella nostra città, rivolta non solo alla divulgazione della fotografia tra i soci, ma anche allo scambio creativo con circoli vicini ed esteri.

Fu sull'onda di questo fervore che nel 1967 fu data vita al primo concorso "Premio Città di Padova", che sarebbe poi seguito per altre venti edizioni con la partecipazione dei più bei nomi della fotografia italiana. L'attività del fotoclub, inoltre, acquistava risalto dal fatto di aver saputo dar vita a svariate mostre sociali e di essere stato prescelto a rappresentare la città di Padova in occasione dei gemellaggi con Freiburg (Germania) e Nancy (Francia).

Ormai il prestigio del Fotoclub Padova era tale che divenne logico affidargli il compito di organizzare proprio in Padova nel 1975 una delle più prestigiose manifestazioni di fotografia, il Congresso Straordinario del Giubileo (25°) della FIAP, che qui portò centinaia di fotoamatori di tutto il mondo.

Dal 1976, con l'importante contributo dell'Amministrazione locale, al Concorso "Città di Padova" si affiancarono successivamente mostre fotografiche come Robert Capa ed Henry Cartier Bresson, oltre alle mostre di fotografi polacchi, russi, austriaci, francesi, jugoslavi, belgi, danesi, cinesi ed argentini, è stato un periodo di forte impulso e di vitalità contagiosa, durante il quale il Fotoclub Padova ha aperto con la sua attività nuovi orizzonti verso paesi e fotoamatori di tutto il mondo.

A partire dal 1986 iniziò, però, una fase di difficoltà, che vide ridursi in parte il numero dei soci e i contributi economici. Ciò nonostante il Fotoclub portò a termine con successo prima la mostra di G. Zelma, poi quella di G. Lotti, e partecipò su invito dell'Assessorato alla Cultura della città ad una proiezione con i "Notturni d'arte".

Solo nel 1999 l'Amministrazione della città riscoperse l'importanza del ruolo avuto dal Fotoclub a Padova e ricominciò a collaborare concedendogli l'utilizzo di una sala presso la sede del Consiglio di Quartiere Forcellini. Non poteva, infatti, essere a lungo ignorato il fatto che molti soci del Fotoclub hanno dato lustro anche alla città con la partecipazione a concorsi sia nazionali che internazionali e che 18 di questi hanno ottenuto titoli di merito riconosciuti dalla Federazione Italiana Associazioni Fotografiche.

Le specifiche attività del Club si sono intensificate negli anni e grazie ad una più stretta collaborazione con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Padova, Centro Nazionale di Fotografia, nel 2009 si è potuto offrire con successo alla cittadinanza la mostra fotografica “FOTOGRAFI IN CITTA’ – Otto autori dal FOTOCLUB PADOVA” nella galleria al Sottopasso della Stua, e nel 2011 importante la sua collaborazione a Padova Aprile Fotografia, settima edizione. Nel 2012 è uscito il libro “Padova – dell’Arte… l’Anima” per festeggiare i primi 50 anni di vita del Club.

Dopo molti anni il Fotoclub Padova rimane così una significativa presenza nel campo fotografico per la città di Padova.

RASSEGNA STAMPA SUL FOTOCLUB PADOVA

page en francçais