Aggiornamento: 28/04/2014

Contratti di locazione (contratti tipo)

Schemi di contratto e modalità

Descrizione

Per la locazione degli immobili adibiti ad uso abitativo esistono due possibili forme contrattuali (come previsto dalla legge 431/98 che regola le locazioni degli  immobili):

  • CONTRATTI DI LIBERO MERCATO che si basano sulla libera contrattazione tra il locatore e il conduttore.
    Hanno durata obbligatoria di 4 anni + 4 di rinnovo e non hanno alcun beneficio fiscale;
  • CONTRATTI CONCERTATI  con canoni che devono essere compresi entro limiti minimi e massimi, determinati sulla base di accordi raggiunti in sede locale che prevedono le agevolazioni fiscali sotto descritte.

Il 25 febbraio 2008 è stato sottoscritto l'Accordo territoriale per le locazioni nella città di Padova dalle organizzazioni sindacali della proprietà e degli inquilini, dall'Esu (Ente per lo studio universitario) e dalle associazioni degli studenti, alla presenza del Pro Rettore dell'Università degli Studi di Padova e dell'Assessore alle politiche abitative, accoglienza e immigrazione del Comune di Padova.
L'accordo territoriale per le locazioni è stato formalmente prorogato dai soggetti firmatari in data 28 maggio 2012 (disponibile nella sezione “Documenti” di questa pagina) fino alla definizione di un nuovo accordo.

Tipi di contratto

I contratti di locazione che si possono stipulare ai sensi dell'Accordo territoriale suddetto sono di tre tipi:

  • CONTRATTO CONCERTATO A USO ABITATIVO

    Durata minima del contratto: 3 anni + 2;
    estensibile a: (4 anni + 2), (5 anni + 2), (6 anni + 2).

    Entità del canone: fissata dal suddetto Accordo territoriale in importi minimi/massimi secondo la tipologia dell'alloggio (l'Accordo non è applicabile a: case popolari, appartamenti signorili, ville, palazzi importanti o vincolati, uffici, negozi che seguono la normativa del libero mercato);

    Agevolazioni fiscali per il proprietario:
    - previste dalla normativa nazionale
    a) imposta di registro ridotta del 30%;
    b) Irpef sul 66,5% del canone annuo;
    c) Imu - Imposta municipale propria 0,76% per anno 2013.

    N.B.: l'agevolazione IMU è ammessa solamente nel caso in cui l'inquilino abbia la propria residenza nell'alloggio, e alle pertinenze viene applicata l'aliquota del 1,02%.
    Con opzione per cedolare secca: aliquota applicata 10% (D.L. 47/2014) su intero canone annuo.

    Il contratto, completo di dati catastali dell'immobile e della scheda di determinazione del canone, deve essere trasmesso all'Ufficio Imu. La trasmissione può avvenire via fax (num. 049 8205803), via e-mail all'indirizzo tributi@comune.padova.legalmail.it o posta ordinaria. Non occorre la dichiarazione Imu.

      
    Agevolazioni fiscali per gli inquilini:
    se il reddito non supera € 15.493,71: detrazione Irpef di € 495,80;
    se il reddito è compreso tra € 15.493,71 e € 30.987,41, la detrazione è di € 247,90;
    altre agevolazioni fiscali sono previste dalla L. 244 del 24/12/2007 (Legge Finanziaria 2008).

    Schema di contratto (file .rtf)
    Schema di contratto (file .pdf)

  • CONTRATTO A USO TRANSITORIO
    Può essere stipulato solamente in presenza di comprovate particolari situazioni in capo al locatore (es. necessità personale) o dell'inquilino (es. contratto di lavoro a tempo determinato).
    - durata: minimo 1 mese, massimo 18 mesi non rinnovabili;
    - canone: concertato;
    - agevolazioni fiscali: nessuna

    Schema di contratto (file .rtf)
    Schema di contratto (file .pdf)

  • CONTRATTO PER STUDENTI UNIVERSITARI (dell'Università degli Studi di Padova)
    - durata: minimo 6 mesi / massimo 36 mesi;
    - canone: fissata dal suddetto Accordo territoriale in importi minimi/massimi secondo la tipologia dell'alloggio;
    agevolazioni fiscali per il proprietario:
       imposta di registro ridotta del 30%;
       Irpef sul 66,5% del canone annuo
       Con opzione per cedolare secca: aliquota applicata 10% (D.L. 47/2014) su intero canone annuo.

    Schema di contratto (file .rtf)
    Schema di contratto (file .pdf)


 

CEDOLARE SECCA (contratto di locazione)
dal 7 aprile 2011 c'è la possibilità di optare per l’applicazione della cedolare secca.
Sul canone di locazione annuo stabilito dalle parti la cedolare secca si applica in ragione di un'aliquota del 21% (10% - D.L. 47/2014 - sui contratti concertati).
Il proprietario può scegliere se applicare il regime attuale di tassazione e agevolazioni, oppure scegliere l'applicazione della cedolare secca.
In pratica la cedolare secca sostituisce:

  • l’Irpef e le relative addizionali
  • l’imposta di registro
  • l’imposta di bollo
  • l’imposta di registro sulle risoluzioni e proroghe del contratto di locazione
  • l’imposta di bollo, se dovuta, sulle risoluzioni e proroghe del contratto.

Per approfondimenti collegarsi al sito: www.agenziaentrate.gov.it e cliccare su "cosa devi fare" - "versare".

N.B: nel caso venga esercitata l'opzione per la cedolare secca, l'aumento annuale della variazione Istat non potrà più essere applicato e l’inquilino dovrà essere informato con lettera raccomandata.
L'opzione va comunicata all'Agenzia delle Entrate con modello 69.

 

Nella sezione "Documenti" di questa pagina sono scaricabili l'Accordo territoriale e gli allegati:
- "B: Tabella degli elementi caratterizzanti l'alloggio..." (si consiglia di evidenziare nell'allegato, una volta scaricato, la voce di riferimento alla quale si appartiene);
- "C: Scheda per la dotazione del mobilio in appartamenti ammobiliati",
- "G. Ripartizione delle spese condominiali".

La planimetria (allegato A) è scaricabile nella sezione "Link utili" di questa pagina, ed è a disposizione anche in forma cartacea presso i seguenti uffici comunali, oltre che presso le Organizzazioni della proprietà e degli inquilini:
Urp di Palazzo Moroni;
- Servizio politiche abitative del Comune di Padova (indirizzo, telefono, orario sono indicati in fondo alla pagina

Normativa di riferimento

  • D.L. 201/2011 "Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici".
  • L. n. 431, del 9 dicembre 1998 "Disciplina delle locazioni e del rilascio degli immobili adibiti ad uso abitativo".

Per informazioni

Servizio Politiche Abitative - Settore Patrimonio Partecipazioni e Lavoro - Comune di Padova 
via Nicolò Tommaseo, 60 (terzo piano) - 35131 Padova
telefono 049 8204351
fax 049 8204350
orario: lunedì e mercoledì dalle 10:00 alle 12:00, giovedì dalle 15:15 alle 17:15
e-mail rocchinis@comune.padova.it; politicheabitative@comune.padova.it
responsabile: Claudio Gamba, referenti: Silvia Rocchini (tel. 049 8204356), Rossano Boscolo (tel. 049 8204355);
sostituto del responsabile del procedimento in caso di inerzia: dott. Giampaolo Negrin

Valutazione della pagina: un aiuto per migliorare Padovanet

Valutazione
E' stata utile la consultazione della pagina?
E' stato facile trovare la pagina?

Codice a barre per controllare gli aggiornamenti di questa pagina sul sito web di Padovanet

QR Code