Strumenti personali

« padovanet.it   Tu sei qui: Home Notizie dall'associazione... MORFOLOGIA C.S. PADOVA Comunicazioni Censimento della Cartografia nella Regione Veneto, Progetto di un Sistema digitale computerizzato

Censimento della Cartografia nella Regione Veneto, Progetto di un Sistema digitale computerizzato

Presentazione del Progetto

Con la presenza di : Regione  Veneto, Dott. B. DEGANI Presidente Provincia PD,                 Prefettura di Padova, Dott. L. COMACCHIO Assessore Cultura Provincia Padova,          Comune di Padova, Arch.  I. Pavanello, Morfologia C.S. PD, Dott.  E. Silvestri                    Agenzia del Territorio, Avv. F. Frattina Presidente C.d.Q. 1, Ing. A.Andò Consiglio C.d.Q. 1, Prof. R. Genevois Dip. Geoscienze UNIPD, Prof. R. Antonelli Dip. Geoscienze UNIPD, Prof. A. Carton Direttore Dip. Geografia UNIPD, Prof. P. Mozzi Dip. Geografia UNIPD, Prof. S. Salgaro Direttore  Dip. Geografia UNIVR  

Con i PATROCINI di: Provincia di BELLUNO,Provincia di ROVIGO, Provincia di TREVISO, Provincia di VENEZIA, Provincia di VERONA,Provincia di  VICENZA,Comune di BELLUNO, Comune di PADOVA, Comune di ROVIGO,Comune di VENEZIA, Comune di VERONA, Comune di VICENZA, Consiglio di Quartiere 1 CENTRO STORICO PD

La metodologia, attinente l’indagine, come già evidenziato, in precedenti studi e pubblicazioni, ha come obiettivo la raccolta di un numero consistente di materiale cartografico, di notizie e dati, per una conoscenza maggiormente approfondita del territorio e dei suoi insediamenti, per individuarne vocazioni ed aspirazioni, ma anche per un controllo necessario per gli interventi di natura sia territoriale, che urbanistica, che architettonica. Le tavole dei Catasti formano un atto documentario di notevole importanza, che trascende un aspetto locale, per entrare in un più vasto campo di concettualità. Infatti con questo processo, è possibile attuare la stessa sperimentazione in diverse collocazioni: provinciali, regionali, nazionali ed anche nell'ambito della Comunità Europea, sviluppando appunto forme di ricerca aventi, come fine, aspetti culturali da approfondire e per completare uno studio iniziato con la pubblicazione del volume : I Catasti Storici di Padova XIX – XX  Secolo , Ed. Biblos,  riguardante l’assetto di Padova delimitato dalla cortina delle mura e quindi il cosiddetto – Centro Storico -.   

A questo punto, si evince che quanto verrà prodotto dalla ricerca costituirà materia per la formazione di una Banca Dati.

Soprattutto si ribadisce il concetto che le mappe catastali antiche e moderne sono documenti fondamentali attraverso i quali è possibile individuare lo sviluppo della forma urbana confrontando i diversi periodi. Pertanto risultano essere documenti importanti, inattaccabili e necessari, atti e  talvolta funzioni di una cartografia  che ha origini lontane nel tempo. Da segnalare l’attenzione prestata dalle Amministrazioni Pubbliche intorno a questo Progetto, che può essere attuato per analizzare il territorio e gli insediamenti urbani in ambito Nazionale. Le tavole dei Catasti Storici, documenti basilari, attraverso i quali è possibile conoscere e comprendere lo sviluppo della forma urbana, confrontando le varie epoche, sono documenti essenziali, atti e, nel tempo stesso, funzioni di base di una cartografia , la  quale ha origini e sviluppi lontani nel tempo, con descrizioni di mappa territoriali, carte militari, atlanti e rappresentazioni di città. Ne consegue che il volume dei Catasti Storici di Padova 1811 - 1990, offre un contributo determinante con un'analisi storica urbana e una ricerca documentaria, consentendo una corretta lettura urbanistica ed una conoscenza approfondita della Città Storica ed indispensabile per la conoscenza dell'insediamento urbano e per la sua classificazione.

Infatti, solo attraverso la descrizione fornita dalle mappe catastali, si evince una maggiore esperienza per le tematiche concernenti la tipologia edilizia e della - forma urbis - ed è possibile evidenziarne le trasformazioni. Al di là dell'interesse storico e filologico, relativo all'opera, emerge una necessità operativa in un momento in cui la tematica dei centri antichi e delle successive aggregazioni tipologiche, ha proposto problemi di convivenza, conservazione e di trasformazione sui ruoli da assegnare, attraverso un programma di riassetto produttivo ed insediativo, che devono essere considerati da Amministrazioni Comunali, Provinciali, Regionali e Nazionali, nonché da Enti ed Uffici.

La raccolta delle mappe storiche ha costituito oggetto significativo per una Esposizione, che ha avuto una cornice adeguata: il Palazzo della Gran Guardia nella Piazza dei Signori di Padova, con inaugurazione avvenuta l’8 gennaio 2009 con l’intervento del Direttore dell’Agenzia del Territorio di Padova Dott.  ENRICO SILVESTRI e dell’Ing. MARIO CINA’. l’Esposizione ha avuto numerosi Patrocini tra gli altri, quello del Ministero della Cultura, della Regione Veneto, di altre Amministrazioni, Comune, Provincia, Ordini, Consigli,  Collegi e di altre Organizzazioni anche private ed è stata seguita da intervista Televisiva (Telenuovo) e articoli su stampa locale. Si sta ipotizzando di rendere itinerante la Mostra per oggettivare una materia estremamente importante che costituisce la memoria degli insediamenti.

Rimane da precisare e da considerare la materia attinente i Catasti e le elaborazioni cartografiche successive riguardanti il XX secolo, che a partire dal 1954 attuano processi grafici diversi e le caratteristiche convenzionali subordinate alla materia e a quanto prescritto dall'Istruzione XIV ed allegati successivi. A queste connotazioni, non poteva mancare un cenno di riferimento all'opera grafica di G. VALLE, la cui planimetria del 1782 precede il rilevamento catastale francese, anche se risulta deformata e non conforme alla

 metodologia catastale per diverse ragioni sia di calcolo di triangolazioni, che per criteri.

Naturalmente lo studio evidenziato rappresenta un modello propositivo, che va esteso in ambito regionale, consentendo a ciascun territorio provinciale di recuperare un materiale importante per la sua evoluzione e per una catalogazione in senso di memoria, ma non solo in quanto si pone l’obiettivo del confronto tra il materiale antico ed il moderno, come affermato in precedenza.

ARCH. ITALO PAVANELLO

DOTT. ALAIN PAVANELLO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CENSIMENTO DELLA CARTOGRAFIA NELLA  REGIONE VENETO

 

PROGETTO DI UN SISTEMA DIGITALE COMPUTERIZZATO

 

ASSOCIAZIONE MORFOLOGIA C.S. PADOVA

 

 

 

 

Presidenza del Consiglio dei Ministri -Ministeri del Turismo, dei Beni Culturali, delle Infrastrutture ,delle Attività Agricole

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


DESCRIZIONE DEL PROGETTO

 

Il Progetto, che si intende proporre, programma l’attuazione di alcune fasi di indagini scientifiche previste, sia a livello documentario storico – ambientale, sia a livello storico e attuale catastale, che comprenda una cartografia antica e moderna.

L’Associazione Morfologia C.S. Padova intende realizzare un Progetto di digitalizzazione del materiale storico catastale con successiva informatizzazione, per permettere confronti con l’attuale catasto, in un ambito Regionale e monitorare i vari aspetti geografici, geomorfologico, idrogeologici, urbanistici, agricoli, archeologici e storici del territorio regionale. Soprattutto si ribadisce il concetto che le mappe catastali rappresentano documenti fondamentali attraverso i quali è possibile individuare lo sviluppo del territorio e della forma urbana confrontando i diversi periodi. Pertanto risultano essere documenti importanti, inattaccabili e necessari, atti e  talvolta funzioni di una cartografia  che ha origini lontane nel tempo. Da segnalare l’attenzione prestata dalle Amministrazioni Pubbliche intorno a questo Progetto, che può essere attuato per analizzare appunto il territorio, gli insediamenti urbani e le conseguenti trasformazioni in ambito sia Nazionale, che Estero, qualora l’indagine possa assumere caratteristiche per un’esportazione del modello di ricerca.

La presentazione del Progetto è stata fissata per il 28 giugno 2010 alle ore 10,00 nella sala consigliare della Provincia di Padova, Palazzo S. Stefano, Piazza Antenore.

 

Arch. ITALO PAVANELLO

Per informazioni rivolgersi all'Associazione Morfologia C.S. Padova