Strumenti personali

« padovanet.it   Tu sei qui: Home Notizie dall'associazione... ISTITUTO DI CULTURA ITALO TEDESCO Incontri Bach, Shostakovich e la Russia
Dall'associazione...
 

Bach, Shostakovich e la Russia

in collaborazione con gli Amici della Musica di Padova nell’ambito del ciclo Dalla Rivoluzione alla Perestrojka: la musica in Russia fra 1917 e 1985

Relatore: Alessandro Tommasi

"Quando Shostakovich scrive i 24 Preludi e Fuga op. 87 non onora solamente un compositore fondamentale nella propria evoluzione artistica, ma ripaga anche un grande debito che la musica russa doveva a Johann Sebastian Bach. Mentre l’Europa riscopriva e celebrava il grande compositore di Eisenach, Balakirev e il Gruppo dei Cinque non dimostravano apprezzamento per Bach, ritenuto poco più che un ingegnoso artigiano, e persino il più sensibile Čajkovskij, che soleva spesso leggere le fughe di Bach al proprio pianoforte, non l’amava con trasporto. Sarà necessario Taneev, allievo di Čajkovskij e a sua volta docente di Rachmaninov, Skrjabin e Metner, perché l’opera di Bach inizi veramente a conquistare Mosca e San Pietroburgo, anche favorita dalla sempre crescente scuola pianistica russa. Nel momento in cui Shostakovich viene invitato come giurato del primo Concorso Bach di Lipsia, l’importanza del compositore tedesco è ormai indiscussa. Ed è proprio a Lipsia che Shostakovich ascolterà una giovane Tatiana Nikolayeva trionfare sui 48 Preludi e Fuga del Clavicembalo ben temperato, traendone ispirazione per comporre un proprio ciclo ad essi ispirato. La conferenza del 16 marzo traccerà il percorso di Bach nella musica russa e nell’opera di Shostakovich, con ascolti dai Preludi e Fuga in preparazione dell’integrale che si terrà presso l’Auditorium Pollini il 21 marzo."

ore 17.00

16/03/2020

in sede

Libero

e-mail : info@icit.it