Strumenti personali

« padovanet.it   Tu sei qui: Home Notizie dall'associazione... ISTITUTO DI CULTURA ITALO TEDESCO Incontri Mostra "Il Simbolismo in Italia"
Dall'associazione...
 

Mostra "Il Simbolismo in Italia"

visita guidata dalla dott.ssa Sergia Ferro

Dal 1° ottobre 2011 al 12 febbraio 2012 è allestita, presso le sale di Palazzo Zabarella a Padova, la mostra "Il Simbolismo in Italia". Proseguendo nel suo percorso di ricerche e approfondimenti dell'Ottocento italiano fino alle avanguardie, la Fondazione Bano promuove l'importante mostra dedicata al Simbolismo in Italia.

Alla definizione del progetto della mostra e alla individuazione e ricerca dei suoi contenuti hanno lavorato Fernando Mazzocca e Carlo Sisi, insieme a Maria Vittoria Marini Clarelli, direttore della Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma.

"Il Simbolismo è stato un grande movimento europeo che, in Italia, ha cambiato il corso della pittura, facendola entrare nella modernità", afferma il professor Mazzocca.

"La forza di questo movimento è stata quella di interpretare e riuscire a rappresentare in pittura, penetrando anche nel territorio dell'inconscio, i grandi valori universali dell'umanità: questa straordinaria avventura artistica verrà ricostruita attraverso i quadri - capolavori ormai entrati nell'immaginario collettivo - dei suoi protagonisti. Se Segantini e Previati rappresentano le due anime del movimento, una più legata alla dimensione della realtà naturale, l'altra a quella dell'immaginazione, Pellizza da Volpedo e Morbelli confermano come il Divisionismo italiano, assolutamente all'altezza delle altre avanguardie europee, abbia raggiunto i suoi risultati più alti proprio quando è entrato nella temperie simbolista".

La mostra è organizzata in sezioni tematiche e ripercorre la storia della pittura italiana dagli anni Ottanta del XIX secolo per giungere sino alla vigilia della Prima Guerra Mondiale.

L'obbiettivo dell'esposizione è inoltre quello di documentare i contatti dei nostri pittori con i grandi simbolisti stranieri presenti in Italia, dai ricordati preraffaelliti a Böcklin, Puvis de Chavannes, Klinger, Von Stuck, Klimt, conosciuti attraverso le Biennali di Venezia: a questo proposito, costituirà un evento di sicura presa spettacolare la ricostruzione della famosa Sala del Sogno che, alla Biennale del 1907, rappresentò la consacrazione ufficiale di un movimento in cui si era per buona parte riconosciuto lo spirito nazionale di fine secolo.

ore: 15.30

20/01/2012

Palazzo Zabarella, Padova

Libero

L'ingresso è gratuito e riservato agli iscritti all'Istituto di Cultura Italo-Tedescoche esibiranno la tessera 2011-2012.

Tel: 049.66.34.24

Mail: info@icit.it